ARPA

3.3991803278735 (1220)
Inviato da david 01/03/2009 @ 19:43

Tags : arpa, ambiente, società

ultime notizie
Dossier inquinamento Arpa, MD SA: "emissioni industriali superiori ... - Brundisium.net
Il rapporto ARPA fornisce anche una descrizione dei dati a livello provinciale: come da copione sono, nell'ordine, le province di Taranto e Brindisi a pagare il dazio maggiore. Queste province, le stesse che da oltre vent'anni ospitano aree definite ad...
Caldo, oggi giorno di fuoco - Brescia Oggi
Le concentrazioni di gas tossico nell'aria sono già fuori controllo, ei dati Arpa dicono che a Brescia siamo già oltre la soglia di allarme con 183 microgrammi per metro cubo (ug/mc). Il caldo non è fenomeno inconsueto né anomalo per maggio....
I fanghi alla diossiona dal depuratore ai campi - La Gazzetta del Mezzogiorno
Tutto parte dai rilievi disposti nel novembre scorso da Arpa Puglia su diversi depuratori della regione, in collaborazione con le università e il Cnr. «Un'attività scientifica», spiega il direttore regionale dell'Agenzia regionale di protezione...
Bollettino di guerra: 128 torinesi uccisi dal caldo torrido - CronacaQui Milano
Interventi di monitoraggio e prevenzione” organizzato dall'Arpa. Esso prevede l'identificazione delle persone più a rischio attraverso l'istituzione di elenchi di cui dispone ogni azienda sanitaria (nel 2008 più di 80mila over 75enni residenti in...
Comitati ambientalisti: "Fiducia al nuovo direttore dell'Arpa di ... - Qui Brescia
Il Coordinamento dei comitati ambientalisti della Lombardia e il direttore dell'Arpa di Brescia, Giulio Sesana, si sono incontrati per discutere di alcune problematiche ambientali, come le diossine, l'inquinamento delle acque e quello dell'aria....
CALDO: EMILIA ROMAGNA, SU SITO ARPA TUTTE LE INFORMAZIONI - RomagnaOggi.it
All'indirizzo www.arpa.emr.it/calore e' possibile trovare tutte le informazioni utili per conoscere il fenomeno e limitare i disagi causati dalle ondate di calore. Il punto di forza del sito sono le previsioni per 23 diverse aree geografiche e per i...
A...scuola di sostenibilità ambientale, evento dell'Arpa a Selvapiana - Termoli Online
E' ai nastri di partenza la due giorni della mostra – convegno inerente il progetto “A Scuola di………sostenibilità ambientale” promosso dalla Regione Molise e dall' ARPA in collaborazione con la Direzione Scolastica Regionale e con il Cea-Korai....
La calura raddoppia i danni del traffico - Brescia Oggi
Come che sia, certo è che tutta la Lombardia soffre lo stesso male, e sono i dati Arpa a dirlo. Superi ci sono stati anche a Lecco con 214 microgrammi per metro cubo (ug/mc), Valmadrera (Lecco) con 207, Saronno (Varese) con 197, Darfo con 118,...
domani temperature altissime - L'Unione Sarda
Temperature oltre i 30 gradi oggi in molte località del Piemonte: la massima registrata dalla rete dell'Arpa (Agenzia regionale di protezione ambientale) sono stati i 33 gradi di Alessandria, mentre a Torino il termometro è arrivato a 32....
In arrivo temperature fino a 34 gradi - Il Resto del Carlino
La conferma delle previsioni Arpa: sarà un fine settimana di tempo stabile, con cielo sereno e termometro alle stelle. Ecco allora i consigli per affontare questa 'ondata di calore' Rimini, 21 maggio 2009. Sono in arrivo temperature fino a 34 gradi: il...

Arpa (strumento)

Arpa Erard, 1816, primo modello della moderna arpa da concerto a doppio scatto di pedali brevettata nel 1811 da Sébastien Erard

L'arpa è uno strumento musicale cordofono a pizzico.

Esistono vari tipi di arpe. Per quello che riguarda la musica popolare e tradizionale, molte culture e geografie hanno tra i propri strumenti qualche variante di arpa: si ha così l'arpa celtica, le varie arpe africane, indiane, ed altre ancora.

In ambito occidentale, il termine arpa non altrimenti specificato si riferisce quasi sempre all' arpa da concerto a pedali, della quale esistono varianti acustiche ed elettriche.

L'arpa da concerto a pedali è dotata di 47 corde tese tra la cassa di risonanza e una mensola detta "modiglione", con un'estensione di 6 ottave e mezza e intonato in do bemolle maggiore. I suoni estranei a questa tonalità si possono ottenere agendo su 7 pedali a doppia tacca; ogni corda è in grado di produrre tre note diverse ed è possibile costruire una scala cromatica.

L'arpa ha un'origine antichissima: deriva dal cosiddetto arco musicale. I primi ad avere in uso l'arpa furono gli Egiziani circa nel 3000 a.C. Se ne conserva un esemplare che è stato datato circa al 2700 a.C. ritrovato a Ur (nell'odierno Iraq) da sir Leonard Woolley. L'arpa di cui parliamo era curvilinea e viene ancora costruita in Africa.

Presso gli Egiziani e gli Assiri venivano costruite arpe di varia foggia ed aventi un numero tra loro differente di corde (sembra che se ne avessero fino a 22). L'uso dell'arpa probabilmente era anche conosciuto dal popolo ebraico mentre fu disdegnato dai Greci e dai Romani a tutto vantaggio della lira e della cetra. L'arpa ricomparve in Europa, durante il IV secolo, presso le popolazioni nordiche (in particolare irlandesi ed anglosassoni) e da lì si diffuse nel resto del continente dove venne particolarmente usata nel genere musicale del Minnesang nel XII secolo. L'arpa divenne molto comune nel XIV secolo come accompagnamento per i canti o le danze.

Questo strumento ha subito notevoli modifiche nell'arco dei secoli e, a partire dal 1607, dopo che Monteverdi la utilizzò nell'Orfeo, fu accolta nell'orchestra.

Con l'aggiunta di varie modifiche tecniche l'arpa conquistò secoli e paesi. In Francia la scuola d'arpa fu particolarmente brillante nella seconda metà del XVIII secolo ove furono fabbricate arpe decorate in modo sfarzoso, alcune delle quali sono ancora conservate presso il Museo del Conservatorio di Parigi, il Museo della Scienza e della Tecnica di Monaco, il Museo dell'arpa Victor Salvi di Piasco (CN) .

Nicolas Bochsa (1789-1856) fu uno dei più grandi arpisti del XIX secolo così come il suo allievo Elias Parish Alvars.

Nel 1811 nacque a Londra l'arpa a doppio movimento, tutt'ora in uso a brevetto del francese Sébastien Erard. L'arpa moderna fu poi perfezionata nel corso del medesimo secolo.

L'arpa è' simbolo di tranquillità, animo eletto e allegria. È anche simbolo di Santa Cecilia, patrona della musica.

È molto rara negli stemmi. Uno dei primi signori dell'Irlanda, David, scelse come propria arma l'arpa, strumento preferito dal re Davide di cui portava il nome: da allora l'arpa è diventato il simbolo dell'Irlanda. Da questo simbolo ha origine anche il logo della società aerea Ryanair e della birra Guinness.

Per la parte superiore



Arpa liuto

L'arpa liuto è uno strumento musicale della categoria dei cordofoni. Il nome deriva dal fatto che appartiene contemporaneamente a due sottocategorie: quella delle arpe e quella dei liuti per la posizione della corde rispetto alla cassa. Nella arpe infatti le corde sono trasversali rispetto alla cassa di risonanza, mentre nei liuti sono parallele (sono dei liuti anche le chitarre o i violini); l'arpa liuto ha la tipica forma di un liuto, ma è dotata di un grosso ponte che rende le corde trasversali rispetto alla cassa di risonanza.

Per la parte superiore



Concerto per flauto, arpa e orchestra (Mozart)

Per favore, aggiungi il template e poi rimuovi questo avviso. Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

A Parigi nell'aprile del 1778 un Mozart appena ventiduenne compone il concerto per flauto, arpa e orchestra K 299.

Si tratta in realtà di un doppio concerto in cui l'arpa intrattiene un dialogo galante con il flauto (e con l'orchestra) dando vita ad una serie di sonorità di rara bellezza.

Il momento migliore si presenta nel rondò con cui inizia il terzo movimento e Mozart stesso lo avrà ben presente durante la composizione della Piccola musica notturna K 525.

Per la parte superiore



Arpa Tripla Gallese

L'Arpa Tripla Gallese è uno strumento molto particolare e poco conosciuto, in uso nella musica celto-gallese e si distingue nettamente da tutte le altre arpe. La versione più accreditata è nata in Italia nel XVI secolo, ed in origine era forse di dimensioni più contenute rispetto all’attuale. Nel Galles è approdata nel secolo successivo. Consta praticamente di tre arpe in una. Le due file di corde esterne - la destra e la sinistra - sono diatoniche ed unisone, quella centrale, cromatica, permette di suonare i semitoni. Sono pochissimi al mondo i suonatori della complicatissima Arpa Tripla. Fra questi vanno sicuramente citati Nansi Richards (Telynores Maldwyn), che è universalmente riconosciuta come la regina della Welsh Triple Harp, Llio Rhydderch, Enlli, la sua allieva destinata a riceverne lo scettro, e Robin Huw Bowen.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia